Eco est Composti dr pock | Medical B.I. Shop
Carrello
5% di sconto su tutti i prodotti. Per ordini superiori a 100,00 € 10% di sconto

ECO EST

Prezzo: 18,00 €

Quantità:

Aggiungi al carrello

Se ordini adesso, consegnamo: Sabato 18/08/2018
Quantità:
50 cps
Modo d'uso:
2 capsule due volte al giorno con abbondante acqua lontano dai pasti.
Lo trovi anche in:
Descrizione:

ECO EST – È un integratore alimentare a base di resina di Mastice di Chios, di Alga Chondrus, di foglie di Altea, di radice di Liquirizia, di foglie di Alloro, di frutti di Arancio amaro e di rizoma di Rabarbaro, piante utili per favorire la fisiologica attività digestiva. La corteccia di olmo in particolare rappresenta un valido supporto per il trofismo delle mucose.

 

IL PRODOTTO NON CONTIENE ALCOL, COLORANTI NE' CONSERVANTI

 

INFORMAZIONI UTILI SU ECO EST -  50 cps da 430 mg

OLMO (Ulmus campestris  Muhl.) corteccia polv. I costituenti principali della corteccia di Olmo sono rappresentati
da principi amari, resine, mucillaggini e tannini. In virtù di questo si puo’ affermare che la pianta possiede proprietà trofiche delle mucose molto infiammate ma soprattutto riparatrici sia livello respiratorio che gastrico.
Infatti anche livello gastrico le mucillaggini possiedono una azione lubrificante, mentre le resine e i tannini quelle cicatrizzanti. Aiuta a neutralizzare l’eccessiva acidità di stomaco e grazie alla presenza di inulina aiuta milza, pancreas e colon confermando l’azione attribuitagli dalla Medicina Tradizionale Cinese sui relativi meridiani.
L’azione cicatrizzante ha reso famosa la pianta nella storia a partire dagli Indiani d’America che usavano la variante “Fulva” come vulnerario per ferite da guerra, eczemi o ulcere cutanee. Oggi la pianta è orgogliosamente presente nella farmacopea statunitense, ma viene citata da storici della medicina come Plinio, Dioscoride, Galeno, Mattioli che ne avevano già individuato l’uso che sostanzialmente faceva della pianta un drenante tissutale e mucosale di estrema delicatezza attivo e ben tollerato anche nei distretti più infiammati volto a favorire la riattivazione funzionale e la cicatrizzazione del distretto, nel nostro caso gastrico.

MASTICE DI CHIOS (Pistacia lentiscus L.) resina – est. sec. E’ sicuramente il mastice più famoso della storia essendo già noto ai Genovesi all’epoca delle Repubblice Marinare che occuparono l’isola di Chios appunto per avere il monopolio di tale famosa resina presente in tutti bazar già del mondo antico. I Genovesi ne furono sicuramente affascinati dall’uso cosmetico per le proprietà balsamiche e sanificanti, era usato infatti anche per fumigazioni. Ma sicuramente l’uso di piu’ pratico interesse era quello legato alle proprietà benefiche sull’apparato gastro-enterico. Presenta infatti una azione antimicrobica che scientificamente si è dimostrata efficace sull’Helicobacter Pilory anche in virtu delle sue proprietà regolatorie sulla iperacidità gastrica. Il mastice di Chios quindi ha una azione riequilibrante e lenitiva e rigenerante  sulla mucosa gastrica. Inoltre i genovesi tradizionalmente lo usavano anche contro il mar di mare, funzione che risultava sicuramente utile per i marinai durante i lunghi viaggi. La vita di comunità esponeva questi ultimi a varie patologie tra cui le enteriti, situazioni che l’uso costante del mastice contribuiva a scongiurare configurandosi in questo senso anche come antidiarroico. Dal punto di vista botanico il mastice si presenta come una resina dall’aspetto opalescente, prodotta incidendo fusto e rami di una pianta il lentisco, un arbusto sempreverde della famiglia delle anacardiacee. Il profumato mastice viene usato oggi nell’industria alimentare come base per chewingum di cui si sfrutta l’effetto antiplacca e purificante dell’alito.

CHONDRUS (Chondrus crispus Stackhouse) tallo  polv. Appartiene alla famiglia delle alghe rosse costituite principalmente da carragenani, macromolecole che dal punto di vista tecnologico nell’ambiente stomaco/intestino tendono a rigonfiarsi formando una massa gelatinosa dal forte potere adsorbente e protettivo. Questa azione meccanica fa si che l’alga acquisti un potere disintossicante legando e trascinando con se i tossici che incontra a partire dallo stomaco fino al lume intestinale (es. metalli pesanti, anomale fermentazioni di batteri) ed allo stesso tempo apportando una azione protettiva sulle mucose difendendole dall’azione irritante e nociva di radicali liberi, iperacidità e disbiosi sua volta queste ultime all’origine squilibri nella produzione di sostanze digestive.

ALTEA (Althaea officinalis L)  radice est. sec. Etimologicamente Althea deriva dal greco “Altaino” che significa io guarisco e contiene polisaccaridi eterogenei (mucillaggini), sostanze inerti che in acqua danno soluzioni colloidali  viscose attenuando la sensibilità delle terminazioni nervose sensitive locali  facendo diminuire il senso di bruciore a livello gastro intestinale.

LIQUERIZIA (Glycyrrhiza glabra L.) radice  est. sec. Già i Greci ne riconoscevano l’uso nelle ulcere gastro-duodenali, anche se il reale meccanismo di azione non è ancora stato chiarito. Senza dubbio si tratta di una pianta rinfrescante a tutti livelli anche ad uso esterno, es. in cosmetica. La sua azione antinfiammatoria è da attribuirsi all’inibizione di un enzima responsabile della inattivazione degli ormoni steroidei endogeni, andando così a stimolare le capacità naturali del nostro organismo di attenuare da sè gli eventuali focolai di infiammazione presenti nel nostro organismo. La presenza di liquirizia nelle preparazioni è importante perché limita gli effetti collaterali di altri componenti attivi sulla motilità intestinale come nel nostro caso il Rabarbaro (vedi sotto).

ARANCIO AMARO (Citrus aurantium L. var. amara) pericarpo del frutto polv. tit. allo 0.1% in sinefrina, può contribuire con un'azione tonica sui processi digestivi.

ALGA WAKAME' (Undaria pinnatifida (Harvey) Suringar polv. Come caratteristica di un po’ tutte le alghe, la Wakame  è ricca di calcio, magnesio, ferro vitamine, ma i componenti realmente di nostro interesse nel nostro caso sono i polisaccaridi solforati, i cosiddetti alginati che all’interno dello stomaco rigonfiano e formando un film protettivo preservano le pareti gastriche dall’attacco dell’iperacidità gastrica, prevenendo bruciori e fastidi.

ALLORO (Laurus nobilis L.) foglie polv. La pianta è attiva sia sull’aparato digerente che sul sistema respiratorio così come altre  piante presenti nella preparazione (es. malva, liquirizia). Le foglie contengono olii essenziali utili a livello digestivo che aiutano a controllare le fermentazioni intestinali, facilitano in generale i processi della digestione con effetto regolatorio sulla acidità.

RABARBARO (Rheum rhaponticum L.) rizoma polv. Il Rabarbaro Rapontico è molto meno potente rispetto al rabarbaro cinese e quindi è in generale molto meno attivo a livello intestinale e comunque l’azione è assolutamente bilanciata dalla presenza di liquirizia (antispasmodica) e per la presenza di tutte le altre piante lenitive a livello intestinale. Del Rabarbaro a piccolissime dosi, si sfrutta la forte presenza di tannini, che tonifica in maniera decisa e fisiologica la funzione digestiva.

MENTA (Mentha piperita L.) olio essenz. La menta è da sempre usata nei disturbi dell’apparato gastro intestinale per le proprietà stomachiche, antispasmodiche e carminative, aiuta a ridurre il tono dello sfintere esofageo e facilita così l’eruttazione. Contribuisce  a combattere  la nausea che dipende dalla dicinesia delle vie biliari.

N.B. Contiene liquirizia: evitare un consumo eccessivo in caso di ipertensione

 

 

N.B. Le indicazioni fornite sono a scopo informativo e divulgativo e non si sostituiscono in nessun caso alla consulenza e al parere del medico (art. 6 comma 2 del D.L.vo 111/1992). Trattasi di integratori alimentari e non di farmaci, né di prodotti curativi in senso stretto, pertanto il risultato può variare da persona a persona e non è possibile garantire l’efficacia dei prodotti in senso assoluto

Ingredienti rappresentativi:
OLMO (Ulmus campestris Muhl.) corteccia polvere; MASTICE DI CHIOS (Pistacia lentiscus L.) resina est. secco; CHONDRUS (Chondrus crispus Stackhouse) tallo polv.; ALTEA (Althaea officinalis L) radice est. sec.; LIQUERIZIA (Glycyrrhiza glabra L.) radice est. sec.; ARANCIO AMARO (Citrus aurantium L. var. amara) pericarpo del frutto polv. tit. allo 0.1% in sinefrina; ALGA WAKAME' (Undaria pinnatifida (Harvey) Suringar) polv.; ALLORO (Laurus nobilis L.) foglie polv.; RABARBARO (Rheum rhaponticum L.) rizoma polv.; MENTA (Mentha piperita L.) olio essenziale.
 

RICHIESTA INFORMAZIONI

 
E-Mail
Nominavo / Rag. Sociale
Oggetto
Testo

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del d.lgs 196/2003 e sue successive modifiche e integrazioni.
L'utente è informato che il conferimento dei dati richiesti in questa sezione verrà utilizzato da Medical B.I., titolare del trattamento, al solo scopo di rispondere alla sua richiesta di informazioni.

Acconsento al trattamento dei miei dati per il solo servizio da me richiesto.

Invia richiesta

CONTATTI

Medical B.I.
Via Altobelli, 4
47924 Rimini – Italy
Tel: +39(0)541 391145
E-mail: info@medicalbi.com
P.iva: 01815280407